• Facebook Social Icon
  • Twitter Social Icon
  • Google+ Social Icon
  • YouTube Social  Icon
  • Pinterest Social Icon

Fatto con amore per persone che si occupano di Natura.

All rights reserved  @www.sangiovannello.com

"dalla terra alla tavola attraverso la cucina"

  • Carla La Placa

Agricoltura Biologica - i retroscena che i consumatori non conoscono


Quando mi chiedono cosa è l'agricoltura biologica rispondo sempre che essa è un insieme di pratiche colturali atte a rigenerare il terreno e a preservare l'ambiente per le generazioni future, senza l'impiego di prodotti di sintesi, quindi senza l'impiego di sostanze tossiche e dannose per l'ambiente e per chi le usa.

E' un modo di produrre cibo sano in relazione alla terra e alle sue esigenze.

Non ho mai pensato invece di rispondere con l'affermazione: essa è tranciabilità documentale, burocrazia per la quale ogni azienda agricola, di trasformazione o comunque assoggettata al regime di agricoltura biologica, paga una tassa ( se così si può chiamare) all'anno.

Molti consumatori ancora si confondono o vengono illusi da produttori agricoli che se pur non trattando chimicamente il loro appezzamento di terra dichiarano di avere un prodotto da agricoltura biologica senza poi essere assoggettati al reg. Ce 834/2007

Approfitto quindi di questa pagina per raccontare la mia esperienza in fatto di tracciabilità e agricoltura Biologica.

Prima di tutto per diventare un azienda agricola bio si deve essere un'azienda a tutti gli effetti, con regolare iscrizione alla camera di commercio e relativi adempimenti burocratici. Poi si deve scegliere in C.A.A. - Centro di Assistenza Agricola tramite il quale, il nostro agronomo di fiducia attraverso il portale SIAN - sistema informativo agricolo nazionale può redigere la notifica di inizio attività, questo documento, in formato cartaceo poi toccherà a noi imprenditori spedirlo corredato di marca da bollo all'assessorato risorse agricole e alimentati competente per regione.

Ecco adesso la nostra azienda agricola Bio è nata ! Diventa necessario stipulare un contratto con un organismo di controllo, un ufficio competente che controlla e aiuta l'agricoltore a gestire le corrette pratiche di agricoltura biologica, l'agricoltore paga all'anno una tariffa, la "tassa" di cui accennavo più sopra, proporzionata all'estensione di terreno, tipologie di colture, volume di affari.

Bene adesso siamo un azienda agricola Bio a tutti gli effetti!!!!

L'organismo di controllo ci fornirà i registri su i quali in modo cartaceo o informatico annoteremo tutto ciò che avviene in azienda, ci ritroveremo quindi a compilare :

  • registro materie prime

  • registro colturale

  • registro vendite

e poi se confezioniamo e trasformiamo la materia prima da noi prodotta

  • scheda preparazione prodotti

  • registro carico e scarico etichette

per gli allevamenti zootecnici saranno necessarie altre registrazioni di cui non riporto informazioni poiché la mia esperienza è relativa esclusivamente alle produzioni vegetali.

Ecco è una bella fatica per registrare,compilare e mantenere i documenti in ordine! E io che ho scelto di fare l'agricoltrice pechè adoro il sole, la Terra e la libertà della vita all'aria aperta, ho dovuto imparare che svolgere questo lavoro significa anche stare richiusi dentro una stanza, dietro un computer.

Per entrare un po più nel dettaglio vi racconto il meccanismo delle registrazioni.

Nel registro materie prime - è necessario registrare tutti i prodotti acquistati per es. le sementi;

è necessario riportare numero della fattura di acquisto, data e nome del rivenditore. In questo registro vengono anche registrati i prodotti raccolti e che verranno impiegati come reimpiego aziendale; per es quando raccolgo le lenticchie nere delle colline ennesi una parte di queste vengono destinate alla commercializzazione, una parte all'uso nell'agriturismo aziendale ed un altra parte è destinata al reimpiego aziendale, alla semina dell'annata agraria successiva.

Nel registro colturale invece sono annotate tutte le lavorazioni agronomiche, l'azienda è divisa in appezzamenti ( raggruppamenti di particelle catastali) e per ogni appezzamento viene riportata tipo di coltura, lavorazione effettuata , superficie coltivata, nel caso di operazioni di raccolta o di semina è necessario anche annotare rispettivamente: quantitativo della semente impiegata giustificandone la provenienza e facendo riferimento al registro materie prime; quantitativo del prodotto raccolto nel primo caso.

Nel registro vendite invece è necessario annotare la vendita dei prodotti; in esso vengono registrate fatture e ricevute o scontrini fiscali che giustificano la commercializzazione dei prodotti agricoli ed i relativi quantitativi di prodotto di volta in volta conferiti.

in questo registro annoto inoltre i documenti di trasporto (d.d.t.) che accompagnano la materia prima ai centri di confezioniamo o trasformazione ed il relativo prodotto ottenuto.

Per es. per la produzione di farina di Timilia accompagno il grano timilia con un d.d.t al molino di mia fiducia, una volta ottenuta la farina, questa ritorna in azienda accompagnata da una fattura del molino con un conto lavorazione. La fattura del molino riporta una serie di dati necessari alla tracciabilità e rintracciabilità alimentare quali lotto di produzione e data di scadenza ma anche numero di confezioni distinte in tipologie di pakaging per es 1, 5 o 25 kg

Quando i prodotti trasformati o confezionati rientrano in azienda è necessario compilare la scheda preparazione prodotti annotando il giorno della lavorazione, il peso del prodotto ottenuto, le tipologie di pakaging distinte per unità di peso ed il relativo numero di pacchetti ottenuto dalla lavorazione.

Prima di commercializzare i prodotti confezionati è necessario etichettarli ma prima ancora di effettuare questa operazione è obbligatorio fare richiesta di autorizzazione alla stampa di etichette all'organismo di controllo (OdC). Inanzi tutto è necessario avere un progetto grafico conforme alle normative in vigore, dopo di chè, si compila un modulo da inviare all'OdC nel quale si inserisce nome del prodotto da etichettare, tipologia di pakaging, unità di misura pakaging e numero etichette che si intende stampare . a questo modulo alleghiamo bozza etichetta e copia dell'attestato di assoggettamento del trasformatore o confezionatore ( nel caso di lavorazioni in stabilimenti non aziendali). Se la bozza etichetta è stata progettata correttamente nel giro di pochi giorni otteniamo il nulla osta alla stampa di tale etichetta e autorizzazione alla stampa di etichette per il prodotto richiesto. In caso contrario l'OdC fornisce le linee guida per rendere conforme l'etichetta.

una volta ottenuta l'autorizzazione alla stampa etichette dobbiamo compilare il registro carico - scarico etichette. In esso è necessario annotare codice di rintracciabilità etichetta , data di autorizzazione e numero di etichette autorizzate, quando stampiamo le etichette, per es quando la farina di timilia rientra dal molino in azienda e la etichettiamo è necessario annotare in questo registro il numero delle etichette utilizzate. Se moltiplicate tutte queste operazioni di registrazione per ogni prodotto e relativo pakaging impiegato Vi lascio immaginare che noi agricoltori Bio non abbiamo vita facile.

Per questo motivo prego voi consumatori di prestare attenzione alla scelta del cibo bio che decidete di portare sulla vostra tavola: per prodotti confezionati e certificati da agricoltura biologica il segnale che li contraddistingue è l'euro foglia, in prossimità di questo logo troverete anche il codice operatore ( codice univoco che contraddistingue l'azienda di produzione) ed il codice che contraddistingue l'OdC. per es. il codice riferito alla mia azienda è IT Bio 005 1796

IT = azienda italiana

Bio = biologica

005 = organismo di controllo Bos s.r.l

1796 = azienda agricola La Placa Carla M. L.

Per i prodotti non confezionati i consumatori possono acquisire maggiori informazioni richiedendo

al produttore un certificato di conformità in corso di validità: in questo documento sono elencati tutti i prodotti certificati da agricoltura biologica che l'azienda agricola di riferimento produce.

Gli operatori da agricoltura biologica inoltre sono controllati con ispezioni condotte da tecnici ispettori inviati dall'OdC di riferimento, un ispezione nella mia azienda dura anche 5 ore. Durante l'ispezione è necessario mostrare i registri correttamente compilati , fatture vendita / acquisto , tutta la documentazione di cui vi ho raccontato qualche riga più in su. L'ispezione è caratterizzata anche da visite in campo durante le quali è possibile che vengano prelevati dei campioni da far analizzare (i costi delle analisi sono a carico dell'azienda agricola) Al termine dell'ispezione viene redatta una relazione sotto scritta dal titolare dell'azienda e dal tecnico ispettore.

Secondo l'estensione aziendale ed il numero di colture differenti l'OdC effettua per azienda 1 ,2 o più ispezioni l'anno.


3 visualizzazioni

Se abiti a Catania e dintorni dal 27 al 30 marzo consegne gratuite con minimo d'ordine di 15 euro concludi il carrello con il tasto celeste chekout ... in questo modo si passa al metodo di pagamento manuale, al momento della consegna verranno detratte le spese di spedizione.